ATTENZIONE! A partire dal 01/01/2017 questo sito non sarà più aggiornato. Il nuovo sito è create-net.fbk.eu

Focus di ricerca

L’Internet delle Cose ha già ampiamente dimostrato il proprio potenziale rivoluzionario nella creazione di ambienti più “intelligenti” e, più in generale, nel rendere il mondo in cui viviamo e la nostra esperienza più semplice, più consapevole ed alla nostra portata ogni volta che interagiamo con gli oggetti che ci circondano, oggetti abilitati ad intraprendere azioni autonomamente, a comunicarci informazioni utili relative al contesto in cui ci troviamo ed in grado di interagire più direttamente con noi. In questo contesto tuttavia, l’IoT ha evidenziato la presenza di numerose barriere che si frappongono alla piena adozione di queste tecnologie nei vari campi applicativi dove esiste un effettivo beneficio dalla loro applicazione. Persiste un elevato grado di frammentazione, una mancanza di convergenza del mercato sulle soluzioni tecnologiche da adottare, una complessità intrinseca che la costruzione di soluzioni IoT mette in gioco con una pletora di elementi hardware, software e di sicurezza. Elementi abilitanti la realizzazione e diffusione di soluzioni IoT necessitano quindi sia la presenza di competenze adeguate per la selezione ed integrazione delle migliori tecnologie da utilizzare in ambiti applicativi specifici, sia la disponibilità di componenti/soluzioni infrastrutturali riusabili e di strumenti di sviluppo progettati per garantire scalabilità, affidabilità delle soluzioni che siano in grado di facilitare e velocizzare il processo di realizzazione delle soluzioni.     

In questo contesto, le attività di ricerca dell’area OpenIoT si focalizzano su due principali aree di intervento:

  • Ricerca tecnologia: meccanismi e soluzioni per garantire l’interoperabilità, modelli architetturali riusabili per velocizzare la messa in campo di soluzioni IoT, integrazione di soluzioni IoT, Cloud e di Big Data e relativi modelli per la distribuzione funzionale della logica applicativa fra cloud ed edge, fra real-time e batch processing di flussi dati IoT, aspetti di protezione dei dati e sicurezza, tecnologie abilitanti (basate su blockchain) per una gestione ed il controllo nell’accesso e nella distribuzione dei dati decentralizzata e delegata in modalità  autonoma ai dispositivi IoT;   

  • Ambiti applicativi IoT: le attività di ricerca si focalizzano anche sull’identificazione delle aree a più alto potenziale innovativo dove l’IoT ed in grado di apportare notevole risparmio e/o benefici competitivi (“IoT”-izzazione dei processi produttivi e delle interazioni con i relativi stakeholders dei prodotti/servizi), inclusa l’applicazione della tecnologie IoT e  blockchain ad ambiti di innovazione sociale dove la combinazione ed integrazione di soluzioni IoT e sensori, con aspetti di social networking, l’uso di “digital currencies” e sistemi reputazione può abilitare nuovi scenari d’uso delle risorse comuni (sharing economy) e di nuovi paradigmi di interazione fra individui.